Calcio Nazionale

Festa Roma con Kolarov Atalanta ferma al palo

Festa Roma con Kolarov Atalanta ferma al paloIl serbo calcia sotto la barriera e trova l'angolo lontano: i giallorossi vincono una gara complicatissima. Nel finale Ilicic prende il palo da un metro

Un gol di Kolarov su punizione, basta il minimo sindacale alla Roma per espugnare Bergamo e riportare d'incanto un po' di serenità in più intorno alla squadra. Partita tutto sommato brutta, non certo scintillante come si poteva immaginare da due squadre costruite per giocare bene al calcio e divertire. Ma se la Roma è ancora un cantiere aperto, lo è anche l'Atalanta. E non è un caso che a decidere sia stata un episodio e cioè una punizione neanche poi calciata benissimo. Per la Roma una bella iniezione di fiducia, per l'Atalanta un piccolo stop ai sogni di gloria.

LA GARA A SCACCHI —
Gasperini, come previsto, è senza Spinazzola (solo che il terzino non è neanche in panchina, ma addirittura a casa in attesa della Juventus), mentre Di Francesco lancia Juan Jesus al centro della difesa, al fianco di Manolas. Dei sei acquisti estivi dei giallorossi (Karsdorp escluso, out per infortunio) in campo ci sono solo Kolarov e Defrel, gli altri tutti in panchina. Stessa sorte in casa Atalanta per De Roon, Orsolini, Cornelius e Ilicic, con Gasperini che deve rinunciare anche a Caldara e si affida ad un 3-4-3 che diventa 3-4-2-1 quando Kurtic a destra e Gomez a sinistra vengono a giocare più dentro il campo. Ne viene fuori una partita vissuta più sugli errori che sugli spunti, più sulle sbavature che sulle magie. Nella Roma De Rossi e Manolas sbagliano qualcosa in fase d'impostazione, dall'altra parte Cristante e Freuler non valgono la coppia Gagliardini-Kessie. Così è ovvio che il gioco stenti a decollare e i palloni per le punte si vedano di rado. I brividi iniziali li regalano Gomez (piattone parato da Alisson), Dzeko (stop e tiro al lato in corsa) e Petagna, che non riesce a concretizzare una bella iniziativa di Gosens. Poi la partita cala e si riaccende solo con una ripartenza di Bruno Peres che Defrel spreca al lato e un assist di Gomez sul rimorchio di Kurtic, con la conclusione dello sloveno però da dimenticare. Così il gol arriva al 31' con una punizione di Kolarov apparentemente innocua, ma efficace perché passa sotto la barriera che si alza. Poi niente più fino all'intervallo, se non una punizione lenta di Gomez su cui Alisson non ha difficoltà.Atalanta-Roma: Totti, giacca e cravatta per primo giorno dirigente

errori e forcing —
La ripresa si apre con Petagna che dopo appena 4' ha la palla buona per pareggiare, ma gli capita sul destro e dal dischetto del rigore l'appoggia tra le braccia di Alisson. Poi è Defrel ad avere la palla del 2-0 al limite dell'area piccola di rigore, ma non riesce a chiudere il tap-in. Allora Gasperini decide di cambiare davanti un po' tutto, togliendo gli evanescenti Petagna e Kurtic ed inserendo Cornelius e Ilicic. E proprio il gigante danese al 18' si rende pericoloso di testa, con Kolarov che sbroglia quasi sulla linea di porta una situazione pericolosissima. La ripresa, per alcuni versi, è anche più brutta del primo tempo. Costruzione di gioco ridotta al minimo, fluidità di manovra quasi inesistente e tante interruzioni da ambo le parti. Insomma, si gioca a sprazzi, ma Roma e Atalanta sono ancora lontane dal prototipo di squadra scintillante che promettono di essere. Poi si fa male Bruno Peres e Di Francesco è costretto a mandare dentro Fazio, con Manolas che chiude da terzino destro. Al 42', però, l'Atalanta va ad un soffio dal pari e non si sa neanche come abbia fatto a non realizzarlo: cross di Gomez, Freuler corregge di testa e Ilicic di piatto spedisce sul palo a mezzo metro dalla porta. Il finale è tutta una mischia nell'area di rigore, ma il risultato non cambia più.

Articolo scritto da

Graziano Tomarchio

Commenta

Clicca qui per commentare

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *