Dom. Ott 24th, 2021

Arrestato dai carabinieri il responsabile del ferimento a colpi di arma da fuoco avvenuto a Corigliano – Rossano

carabinieri corigliano

Condividi

carabinieri corigliano calabro

Nella serata di ieri si è arrivati ad un’importante svolta nelle indagini susseguenti al ferimento a colpi di arma da fuoco avvenuto il 27 agosto ultimo scorso nello scalo coriglianese.

In particolare le indagini condotte fin dai primi minuti dai Carabinieri della Compagnia di Corigliano Calabro, con il coordinamento del pubblico ministero della Procura della Repubblica di Castrovillari, Dott.ssa Angela Continisio, avevano permesso una ricostruzione molto dettagliata dell’evoluzione dei fatti precedenti alla deflagrazione dei colpi di arma da fuoco, grazie alle numerose testimonianze oculari ed alle immagini di video sorveglianza acquisite.

Il responsabile del delitto era stato identificato già poche ore dopo il fatto, mentre l’autovettura su cui lo stesso era scappato, era stata ritrovata dai Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile ausonico nel pomeriggio della stessa giornata, nascosta in una auto-carrozzeria di Corigliano ed in fase di riparazione dei danni subiti.

L’indagato unitamente alla moglie si erano resi irreperibili sul territorio comunale e ciò aveva spinto gli inquirenti ad allargare le indagini a “360°”.

Sentitosi fortemente braccato, lo stesso decideva di presentarsi dai Carabinieri della Compagnia di Torino-Moncalieri per rendere spontanee dichiarazioni, nella cui sede veniva eseguito il decreto di fermo di indiziato di delitto del pubblico ministero, sussistendo evidenti esigenze cautelari determinate dalla gravità dei fatti per cui si procede e dalla pericolosità del soggetto, nonché un evidente pericolo di fuga, sostanziato dal fatto che l’uomo in poche ore era riuscito già a recarsi fuori dal territorio calabrese.

Continuano le indagini dei Carabinieri volte a scoprire tutti i particolari della vicenda e le eventuali responsabilità penali del ferito o di altri soggetti coinvolti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

×

Powered by WhatsApp Chat

× Vuoi inviare la tua notizia?