Mar. Lug 5th, 2022

Falcomatà “abbattere criterio spesa storica ed affermare livelli essenziali delle prestazioni”

sergio abramo - giuseppe falcomatà

Condividi

giuseppe falcomatà

Il sindaco di Reggio Calabria ha preso parte a Catanzaro alla presentazione del dossier “Il calcolo diseguale, la distribuzione delle risorse ai Comuni per i servizi” della Fondazione OpenPolis in collaborazione con Rai Report

“La legge che introduce il criterio della spesa storica è una delle più indegne mai approvate nella storia della nostra Repubblica. Uno Stato che tratta in maniera diseguale i suoi figli è uno Stato poco lungimirante.

E’ venuto il tempo di abbattere il criterio della spesa storica e fissare in maniera definitiva il criterio dei livelli essenziali delle prestazioni per consentire al nostro Paese di cominciare a correre, a cominciare dal Sud che deve essere un valore aggiunto ed il motore dello sviluppo nazionale”.

E’ quanto afferma il sindaco di Reggio Calabria, presidente regionale di Ali Calabria e componente del Consiglio nazionale di Anci, intervenendo a Catanzaro nel corso della conferenza stampa indetta dal sindaco Sergio Abramo per la presentazione del dossier “Il calcolo diseguale, la distribuzione delle risorse ai Comuni per i servizi” della Fondazione OpenPolis in collaborazione con Rai Report.

“Questa non può essere una battaglia dei sindaci del Sud o di alcuni amministratori meridionali ha aggiunto Falcomatà deve essere una battaglia sposata dall’intero Paese. I partiti abbraccino questa sfida, superino tentennamenti ed escano dall’imbarazzo, sposando la battaglia che come sindaci stiamo promuovendo da anni.

È assurdo che qualcuno ancora sostenga l’idea di una città che cammina a due velocità. È una condizione che non conviene a nessuno ed è venuto il momento di affermarlo con chiarezza”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?