Gio. Dic 1st, 2022

I primi due appuntamenti del Festival “POETI DELLA TERRA” conquistano tutti nell’antico borgo e lanciano la sfida

Festival poeti della terra - aiello calabro

Condividi

Festival poeti della terra - aiello calabro

Sono stati due appuntamenti intensi ed importanti: il concerto spettacolo di Daniele Fabio, “Istantanee sul Mediterraneo”, e l’incontro letterario “La Fiumarella” con Giovanni Petronio. Il “Festival del lupo” è partito con tutto l’entusiasmo che annunciava.

Il borgo di Aiello Calabro, dalle magiche suggestioni, ha fatto da cornice ad un evento ricco di contenuti importanti.

Infatti proprio all’apertura del festival è stato presentato il “Manifesto degli artisti e delle artiste per un Rinascimento calabrese”, il documento redatto e promosso dal direttore artistico Angelica Artemisia Pedatella, che ha poi accompagnato l’esibizione straordinaria della chitarra di Daniele Fabio, con la voce incantatrice di Rino Amato e il volo musicale della chitarra ospite di Matteo Callà.

«L’importanza di questo manifesto che verrà sottoscritto da tutti gli artisti del festival spiega Angelica Artemisia Pedatella è ribadire il senso e la natura delle manifestazioni artistiche, in una regione, come la Calabria, che di arte, cultura e turismo può fare quella fortuna che finora si è negata.

Stiamo pensando alla sua divulgazione, perché i contenuti che ho potuto raccontare al pubblico diventino parte di una coscienza comune. Il lavoro degli artisti e delle artiste è fondamentale perché rappresenta un collante sociale imprescindibile.

Non è intrattenimento superfluo, ma un impegno necessario per il futuro. L’Amministrazione comunale, che sostiene il festival realizzato con il contributo della Regione Calabria – fondi PAC 2007/2013, ha presenziato e applaudito all’iniziativa, fortemente voluta, nonostante l’impegno importante. Si tratta, infatti, di quarantaquattro eventi che animeranno il borgo per quattro mesi.

Soddisfatto il sindaco f.f. Luca Lepore: «Il festival nelle sue prime iniziative ha già dimostrato la sua capacità di coinvolgere ogni fascia di età e di individuare i temi essenziali che ci stanno a cuore: la valorizzazione della Calabria, i trasporti, il diritto allo studio, la bellezza, la rivalutazione sociale dell’arte.

Abbiamo la fortuna di avere un borgo bellissimo per cui si deve fare tanto, collaborando con le persone giuste.

Fortunatamente le persone giuste arrivano e questo festival racconterà il patrimonio umano che Aiello Calabro è in grado di valorizzare». L’impegno dell’Amministrazione ha trovato nel team degli artisti della Compagnia Teatrale BA17, che gestisce il festival, un chiaro punto di riferimento per far crescere l’offerta artistica del borgo e trasformarlo in un vero attrattore culturale.

Esprime soddisfazione anche l’Assessore alla Cultura Olga Terranova: «L’Amministrazione da tempo andava nella direzione di individuare le figure culturali giuste per alimentare la vita artistica di Aiello Calabro. Siamo molto contenti di questa apertura.

Ci è costata fatica per le tante difficoltà che la cultura ha vissuto particolarmente in questi ultimi due anni, ma sono felice di aver potuto assistere ai primi due appuntamenti così emozionanti, che raccontano la nostra passione e la volontà di fare il meglio per questa terra. L’assessorato alla cultura ha una responsabilità importante, spesso sottovalutata a causa della percezione generale che si ha della cultura.

Ancora di più, dunque, questa iniziativa mi motiva ad andare avanti nella nostra azione di sostegno e amministrazione». Gli eventi proseguiranno inaugurando un’estate che si prolungherà fino al primo autunno.

Questi i prossimi appuntamenti: il 18 giugno verrà proposto l’incontro letterario con Alessadro Testa sulla letteratura gialla e del mistero, mentre il 19 giugno la giornata verrà aperta dal laboratorio di giornalismo di Rino Muoio, incentrato sul racconto noir della cronaca nera, e la serata si concluderà con l’esilarante commedia “Minchia, signor tenente!” che racconterà uno spaccato della società del sud Italia attraverso una lente tra le più popolari, che il pubblico ama e che ha regalato grandi successi cinematografici, televisivi e letterari.

L’ingresso agli eventi è completamente gratuito. Tutte le informazioni sulla programmazione generale e sugli eventi particolari sono reperibili sui social del festival e ai numeri e indirizzo: 328 657 4056 – 331 360 7820 – info@ba17.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?