Mar. Ott 4th, 2022

Il 9 giugno all’Hotel la Conca di Villa San Giovanni il convegno “Giustizia Giusta”

convegno "Giustizia Giusta" - villa san giovanni

Condividi

Francesca Porpiglia

Giorno 9 giugno alle ore 10,00 presso l’Hotel la Conca in Villa San Giovanni si terrà un convegno dal titolo  “Giustizia Giusta” sui  diversi temi della giustizia non toccati dalla riforma o toccati solo in parte ed a sostegno del SI ai Referendum.

Introdurrà e farà da moderatrice la scrivente,  PORPIGLIA FRANCESCA ANASTASIA, Responsabile Regionale Dip. Pari Opportunità Lega- Salvini Premier

Relatori saranno:

  1. FOTI PASQUALE – Avvocato, Presidente Camera penale di Reggio Calabria
  2. SACCOMANNO GIACOMO – Avvocato – Coord. Regionale Lega –Salvini Premier
  3. TURCO MAURIZIO – Segretario Nazionale Partito Radicale

Concluderà

ROBERTO CALDEROLI – Senatore Vice presidente Senato Della Repubblica.

“Dopo aver raccolto le firme e messe in campo una serie di iniziative pubbliche, visto il boicottaggio da parte di quasi tutti i mezzi di comunicazione  abbiamo ritenuto di organizzare a villa san Giovanni un dibattito sul tema della giustizia per informare i cittadini,  invitarli a recarsi alle urne e votare SI.

Il funzionamento della giustizia, infatti, è uno dei più grandi problemi che affligge il nostro Paese tanto da diventare   una delle priorità del governo Draghi legato, pure al PNRR.

Sappiamo per certo che la lentezza della nostra giustizia è uno dei tre grandi problemi, assieme a una burocrazia inefficiente e un’alta tassazione, che tengono lontani gli investimenti esteri dall’Italia

Il sistema della giustizia italiana, soffre infatti di un fondamentale problema: i tempi della celebrazione dei processi civili, penali ed amministrativi. La durata dei processi incide negativamente sulla percezione della qualità della giustizia resa nelle aule giudiziarie: una  “giustizia ritardata è giustizia denegata

L’efficienza del settore giustizia è condizione indispensabile per lo sviluppo economico e per un corretto funzionamento del mercato

Una riforma della Giustizia che riduca i tempi, oltre a processi più veloci, porterebbe 1 punto di Pil da investire nei diversi settori e più certezza per le imprese e per gli investitori stranieri

Si stima che una riduzione della durata dei procedimenti civili del 50 per cento possa accrescere la dimensione media delle imprese manifatturiere italiane di circa il 10 per cento.

Ed una riduzione da 9 a 5 anni dei tempi di definizione delle procedure fallimentari possa generare un incremento di produttività dell’economia italiana dell’1,6 per cento.

Questa oggi la giustizia italiana bocciata dall’Europa e dagli investitori!

Un primo passo è stato fatto  con l’approvazione da un ramo del parlamento della riforma Cartabia. Ma non è sufficiente!

La riforma Cartabia, infatti, è solo l’inizio, un piccolo passo, una parte della grande riforma chiamata a rivoluzionare la giustizia: riguarda le regole organizzative, i tempi dei processi, le modalità di esecuzione della pena, il personale, la digitalizzazione… ma non interviene sui protagonisti dei processi. I giudici, i Pm, gli avvocati! Sulla distinzione tra funzione requirente e giudicante

Ed uno dei quesiti riguarda appunto la separazione delle carriere tra magistratura inquirente e  magistratura giudicante.

Oggi ci si può ritrovare imputati per lunghissimo tempo e con l’impossibilità di un efficace difesa,  se non si è ricchi a sufficienza, a causa della sproporzione evidente di forze esistente  tra accusa e difesa.

E’ necessario che questa commistione PM giudici per un processo equo e con meno errori venga meno!

Per avere una prima idea di quanti siano questi ultimi , mettendo insieme sia le vittime di ingiusta detenzione sia quelle di errori giudiziari in senso stretto, abbiamo che sinteticamente:

  1. dal 1991 al 31 dicembre 2020 si sono registrati  29659 casi : in media, poco più di 988 (circa mille) l’anno.
  2. Il tutto per una spesa complessiva dello Stato gigantesca, tra indennizzi e risarcimenti veri e propri: 754.850 euroe spiccioli, per una media appena superiore ai 28 milioni e 990 mila euro l’anno. Troppi!
  3. E qui la Calabria è maglia rosa: nel 2020 Il distretto di Reggio Calabria primo con (quasi  8 milioni)7.907.008 € (90 casi, più di Roma con 77) e Catanzaro secondo con 4.584.529 €. (66 casi)

Ci manca poco per sommare  la metà di tutti i risarcimenti italiani a fronte di meno di 2.000.000 di abitanti.

A fronte di tanti errori giudiziari la legge sulla responsabilità civile dei magistrati non ha funzionato: solo  otto condanne in 11 anni dal 2010 al 2021 (3 in Tribunale e 5 in Cassazione) su  544 cause di responsabilità civile (peraltro indiretta) avviate  nei confronti di altrettanti magistrati. A 10 condanne non si è mai arrivati, neanche in 11 anni!

Purtroppo il referendum sulla responsabilità civile dei giudici molto auspicato è stato bocciato. Un referendum già votato dagli italiani e tradito dal parlamento. Ci auguriamo che il prossimo parlamento faccia meglio!

Ma al convegno si parlerà anche degli  altri quesiti: Uno su tutti riguarda l’abolizione della legge “Severino” e gli effetti deleteri di questa  legge che, magari, nello spirito poteva anche essere condivisa ma la cui applicazione concreta, ottusa, ha  creato invece dei danni irreparabili.

Da garantista e rispettosa della Costituzione credo che  sanzioni  così gravi che privano i cittadini del loro elettorato passivo e la comunità del diritto di essere governati debbano scattare solo in seguito a condanne definitive o comunque debbano essere vagliate per la gravità del caso concreto!

E’ perciò importante, visto il “silenziamento”, partecipare ai dibattiti, informarsi ed informare ed  andare a votare ai referendum ma, soprattutto, a votare SI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?