Gio. Dic 8th, 2022

La Polizia di Stato di Vibo Valentia celebra oggi il 170° Anniversario della sua fondazione

polizia di stato - vibo valentia

Condividi

polizia di stato - vibo valentia

Un’amministrazione longeva che ha accompagnato i cambiamenti della società, trasformandosi essa stessa per soddisfare nuove esigenze, nella continuità del motto sub lege libertas.

Una Polizia radicata nel presente e proiettata verso il futuro, che torna a condividere con i cittadini i suoi autentici valori e i risultati conseguiti grazie al quotidiano operato delle sue donne e uomini.

Anche quest’anno, con sobrietà e in sicurezza, La Polizia di Stato rinnova la sua vicinanza alla comunità, pur nella consapevolezza che il contenimento del virus rimane una priorità.

Per questo impegno il Presidente della Repubblica concede quest’anno la medaglia d’oro al merito civile alla bandiera della Polizia di Stato, per le attività svolte durante la pandemia, eccezionale banco di prova che ha evidenziato lo spirito di servizio che caratterizza l’attività di ciascun poliziotto.

Per lasciare un segno tangibile dell’importante traguardo raggiunto, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emesso un francobollo celebrativo, mentre l’istituto Poligrafico e Zecca dello Stato ha realizzato una moneta del valore di 2 euro.

La ricorrenza costituisce anche un’occasione per fornire il bilancio delle attività espletate dalla Polizia di Stato di Vibo Valentia nel corso degli ultimi 12 mesi.

In particolare, la Squadra Volante, la Polizia Stradale e il Reparto Prevenzione Crimine di Vibo Valentia hanno impiegato, sul territorio provinciale, una media giornaliera di 25 pattuglie che, nell’arco temporale tra il 1° aprile 2021 e il 31 marzo 2022, hanno controllato oltre 124.000 persone, con un aumento pari al +15,2% rispetto all’anno precedente. Parimenti, sono stati controllati oltre 76.000 veicoli, ovvero il +12,26% in più dell’anno prima.

Nonostante l’energico e massiccio impegno dedicato alle attività di prevenzione, non sono state messe in secondo piano le attività di Polizia Giudiziaria: sono stati sequestrati 246 kg di marijuana, 110 gr di cocaina e 83 di hashish, denunciate 42 persone per stupefacenti, proposte 21 misure cautelari ed elevate 87 sanzioni amministrative.

Nell’ultimo semestre, tre latitanti sono stati rintracciati e catturati dalla Squadra Mobile.

Un ricercato di origini siciliane, ritenuto responsabile del reato di associazione dedita al narcotraffico e classificato come soggetto altamente pericoloso, è stato fermato tra gli svincoli di Pizzo e S. Onofrio, in possesso di una carta d’identità falsa ed altre certificazioni contraffatte.

È stato individuato il responsabile del tentato omicidio avvenuto nel vibonese nel maggio 2019, rintracciato in località Ardore Marina (RC). Un’articolata e complessa attività di polizia che ha richiesto l’impiego di più di 50 uomini, numerosi automezzi, elicotteri, unità cinofile, tutti impegnati nella cinturazione dell’area di interesse e nell’individuazione dell’obiettivo.

È stato infine rintracciato, a Roma, il responsabile del reato di associazione per delinquere finalizzata al traffico internazionale di stupefacenti, operante nella provincia di Vibo Valentia e nei territori di Nicotera e Limbadi. Il latitante, per evitare di essere riconosciuto, utilizzava parrucche e documenti di riconoscimento contraffatti.

Un altro importante traguardo è stato ottenuto con la risoluzione dell’omicidio avvenuto nell’agosto del 2019, si è fatto luce sulla morte della modella sordomuta campana, attività che ha portato all’emissione di 3 avvisi di garanzia.

L’attività investigativa della Polizia di Stato ha consentito di denunciare 7 persone, indagate a vario titolo, per aver utilizzato sofisticate apparecchiature ricetrasmittenti volte a fornire indicazioni dall’esterno per il superamento degli esami di guida. Un sistema collaudato e utilizzato più volte in precedenti sessioni.

Arresti, denunce, segnalazioni e droga sequestrata: numerose sono state le attività investigative che hanno consentito alla Polizia di Stato di denunciare 571 persone e arrestarne 44.

Dopo le flessioni del biennio 2020/2021, è in aumento l’attività della Polizia Amministrativa Sociale e dell’Immigrazione che ha registrato il rilascio di 1.204 passaporti, 7 licenze di polizia e 535 nulla osta e porti d’arma.

Importanti risultati sono arrivati anche in ambito sociale e dell’accoglienza; sono stati rilasciati e/o rinnovati ai cittadini stranieri dimoranti in questo territorio 2.113 permessi di soggiorno, un aumento cospicuo rispetto ai 1.230 rilasciati l’anno prima.

Particolare importanza in questa provincia è data all’istruzione e alla formazione delle nuove leve, Sono stati due i corsi di agente della Polizia di Stati completati in quest’ultima annualità, formando 273 Agenti ed è tutt’ora in atto un terzo corso di formazione, il 216°.

Per una lettura più agevole, si riporta una tabella riepilogativa con tutte le statistiche più rilevanti:

Dal 1° aprile 2021 al 31 marzo 2022
Persone controllate 124.077
Persone controllate sottoposte ad obblighi di legge 9.009
Veicoli controllati 76.396
Pattuglie sul territorio 8.971
Polizia Giudiziaria
Denunce 571
Arresti 44
Ordinanze cautelari 30
Misure di Prevenzione
F.V.O. 4
DASPO 4
Avviso Orale 28
Sorveglianza speciale 24
Denunce per violazione sorveglianza speciale 16
Misure di prevenzione patrimoniali 1, per un valore di beni pari a 250.000,00
Richieste di Ammonimento 21
Divieti di avvicinamento alla persona offesa 10
Polizia Amministrativa
Passaporti emessi 1.204
Licenze rilasciate 542
Permessi di soggiorno rilasciati 2.113
Permessi di soggiorno rifiutati 37
Espulsioni/allontanamenti 26
Controlli di polizia amministrativa 1.501
Sanzioni amministrative 223

Alle 11.00 di questa mattina, nel piazzale della Scuola Allievi Agenti, si è tenuta la cerimonia celebrativa dell’anniversario della fondazione della Polizia di Stato.

I 140 allievi agenti del 216° corso di formazione hanno fatto parte dello schieramento e, alla presenza del Prefetto, del Vescovo e delle altre autorità istituzionali e politiche della provincia, è stata data lettura dei messaggi fatti pervenire dal Presidente della Repubblica, dal Ministro dell’Interno e dal Capo della polizia – Direttore Generale della Pubblica Sicurezza.

Anche il Questore Raffaele Gargiulo ha rivolto un proprio pensiero alle donne e agli uomini della Polizia di Stato di questa provincia, ricordando i 170 anni di storia della nostra Istituzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?