Mer. Nov 25th, 2020

Lettera aperta al governo dal Coordinamento dei Proprietari Immobiliari: Uppi, Federproprietà, Confappi

Condividi

Il Coordinamento dei Proprietari Immobiliari Uppi – Federproprieta’ – Confappi – Movimento per la difesa della casa ha scritto una lettera aperta al governo e ai partiti che lo sostengono, che riceviamo e pubblichiamo:

“Essendo state ignorate dal governo le proposte del Coordinamento dei Proprietari Immobiliari, i Presidenti della FEDERPROPRIETA’ (Anderson), dell’UPPI (Buyère), e della CONFAPPI (Rezzonico)

DENUNCIANO

L’insensibilità del Governo ad emettere provvedimenti in grado di incidere sul cambiamento delle politiche abitative; la mancanza di provvedimenti (tra i quali una forte defiscalizzazione, soprattutto riguardo all’IMU) per i proprietari che subiscono le inadempienze dei conduttori; il mancato adeguamento della normativa per gli affitti non pagati sia  per le locazioni commerciali sia di quelle ad uso abitativo; la mancata introduzione della cedolare secca per tutte le locazioni di immobili ad uso diverso dall’abitazione; la mancata applicazione anche per i contratti ad uso diverso dall’abitazione della normativa dei contratti concordati per evitare il proliferare delle morosità

CHIEDONO

Al governo e ai partiti che lo sostengono:

1) Un provvedimento (con una forte defiscalizzazione) che risolva il problema delle morosità;

2) La realizzazione di un programma di edilizia residenziale pubblica per le fasce deboli;

3) L’azzeramento dell’IMU a chi ha immobili occupati senza titolo o da conduttori morosi;

4) L’azzeramento delle imposte dirette (Irpef e cedolare secca) a chi ha immobili occupati senza

titolo o da conduttori morosi;

5) L’estensione della cedolare secca al 10% a tutte le locazioni abitative a canone concordato in tutti

i comuni;

6) La riduzione della tassazione sulle seconde case fuori dal luogo di residenza, utilizzate per uso

personale;

Il Coordinamento dei Proprietari Immobiliari (FEDERPROPRIETA’ – UPPI –  CONFAPPI –MOVIMENTO IN DIFESA DELLA CASA) rinnova la richiesta della convocazione da parte del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti del tavolo di concertazione generale sulle politiche abitative come previsto dal governo prodi con legge del 8 febbraio 2007 n. 9″

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?