Mer. Ott 5th, 2022

Maltratta per anni la moglie, la Polizia di stato arresta un uomo crotonese di 43 anni

polizia di stato - crotone

Condividi

polizia di stato - crotone

I poliziotti della Questura di Crotone hanno eseguito la misura della custodia cautelare in carcere disposta dal GIP nei confronti di un crotonese di 43 anni, resosi responsabile di maltrattamenti in famiglia in danno della moglie.

Le indagini della Polizia di Stato sono state avviate a seguito di un intervento per lite domestica eseguito dagli operatori dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico; nell’occasione la donna ha trovato il coraggio di denunciare, ormai stanca di subire continuamente offese, insulti e percosse da parte del marito.

Le immediate attività, condotte dagli investigatori della Squadra Mobile, hanno permesso di far luce sulla vicenda, dalle quali è emerso che, nell’ultimo anno, l’uomo aveva più volte offeso e minacciato la moglie ed in alcune circostanze l’aveva anche percossa con schiaffi e pugni, episodi accaduti anche alla presenza dei figli minori della coppia, non permettendo più alla moglie di uscire di casa da sola e svolgere le normali attività se non in sua compagnia. Il tutto provocato da una insensata gelosia.

Durante l’ultima lite, il soggetto, dopo aver abusato di sostanze alcoliche, aveva percosso la moglie, per poi cacciarla di casa unitamente ai figli, recandosi poco dopo presso l’abitazione dove la donna aveva trovato rifugio per minacciarla brandendo un coltello.

La denuncia della donna e gli accertamenti esperiti, anche grazie alle testimonianze di altre persone che avevano assistito ad alcuni episodi, hanno fornito un quadro indiziario inequivocabile alla Procura della Repubblica che, accogliendo le risultanze probatorie, ha avanzato richiesta al GIP del Tribunale di Crotone, che ha emesso il provvedimento restrittivo nei confronti dell’uomo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?