Mer. Lug 6th, 2022

Reggio Calabria: danneggiamenti e furti all’istituto “CATANOSO-DE GASPERI”, il garante Mattia vicino alla dirigente

emanuele mattia

Condividi

emanuele mattia

Personalmente e a nome dell’Ufficio che dirigo, esprimo solidarietà nei confronti della Dirigente Sonia Barberi e di tutta la comunità scolastica dell’Istituto Comprensivo “Catanoso-De Gasperi” di Reggio, nuovamente colpiti da vili atti di violenza a distanza di poche settimane.

“Come si fa ad attaccare una scuola?” ci domandiamo retoricamente, cioè intuiamo, nella “migliore” delle ipotesi, la noia di ignoti interrotta da furti e danneggiamenti, nella peggiore e più probabile, vediamo l’intimidazione ad un presidio socio-culturale, realtà sempre più nel mirino nel nostro territorio.

“Come si fa?” continuiamo a chiederci, pensando che la scuola, luogo di costruzione, venga invece distrutta. Condanniamo con decisione il generale scompiglio creato all’interno della struttura, dai laboratori di musica alla dirigenza, così come il furto di materiale didattico, attrezzature e strumenti musicali e, addirittura, di un defibrillatore, così come la forzatura di cassetti contenente documentazione.

Ci stringiamo al dirigente scolastico, comprendendo il suo cupo stato d’animo. Ha ragione a dire che è stata lesa la dignità e la sicurezza della comunità scolastica e che essa è stata privata degli strumenti di crescita formativa e culturale.

E siamo ancor di più al suo fianco quando afferma che l’istituzione scolastica continuerà ad agire nel rispetto di regole, legalità e bene comune, dunque la sosteniamo nella prosecuzione della sua positiva azione culturale e sociale, allontanandoci così dalla resa».

Così il Garante Metropolitano per l’Infanzia e l’Adolescenza Emanuele Mattia sul danneggiamento notturno compiuto da ignoti all’Istituto Comprensivo “Catanoso-De Gasperi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?