Mar. Apr 7th, 2020

Reggio Calabria: nota del garante Marziale sui minori agli imbarcaderi di Villa San Giovanni

antonio marziale

Condividi

antonio marziale

Siamo in trepidazione per i minori fermi a Villa San Giovanni, impossibilitati a proseguire il loro viaggio verso la Sicilia e finanche a tornare indietro, in una marcia scriteriata e certamente determinata dai genitori”: è quanto dichiarano in una nota congiunta Antonio Marziale, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Regione Calabria, ed Emanuele Mattia, Garante per l’Infanzia e l’Adolescenza della Città Metropolitana.

Ci stiamo rapportando con le autorità di riferimento calabresi e siciliane per tentare di trovare una soluzione a vantaggio di più di 20 minori spiegano tra i quali una bimba di 11 mesi, una di 5 anni ed una donna incinta.

I volontari della Croce Rossa ieri sera hanno somministrato 95 pasti caldi ed entro stasera il sindaco facente funzioni, Maria Grazia Richichi, è chiamata a reperire qualche struttura d’emergenza perché non possono essere lasciati in strada.

Per Marziale e Mattia: “Sarebbe importante sbloccare la situazione e noi immaginiamo anche nella maniera meno costosa possibile, ossia giacché sono tutti siciliani consentir loro di oltrepassare lo Stretto, accoglierli con le dovute verifiche sanitarie, dar loro il tempo di giungere alla proprie abitazioni e incaricare le autorità locali di attivare i protocolli previsti in termini di quarantena domiciliare. Questo eviterebbe ai piccolini ulteriori drammatici disagi”.

Fidiamo nel buonsenso, oltre che nelle norme concludono stigmatizzando l’irresponsabilità degli adulti di riferimento, incapaci di rispettare le disposizioni in un momento cosi drammatico, a scapito delle persone più care e della collettività. Fidiamo nelle istituzioni calabresi e siciliane nel voler agevolare questi ignari ed incolpevoli bambini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?