Ven. Gen 22nd, 2021

Reggio Calabria, Nava: “Il Cpro accoglie con speranza la Legge di bilancio 2021”

Condividi

“Come Commissione regionale per le Pari Opportunità accogliamo con speranza ed apprezzamento quanto contenuto nella Legge di bilancio 2021 che prevede un fondo per l’imprenditoria femminile, in linea con l’attività da noi portata avanti grazie agli incontri organizzati con docenti universitari della Calabria, esperti ed imprenditori, per analizzare il mercato del lavoro al fine di mettere in campo interventi politici coerenti e funzionali alle esigenze del territorio per la promozione dell’occupazione e dell’imprenditoria femminile nella nostra regione”.

È quanto afferma Cinzia Nava, presidente della CRPO che richiama “il progetto di mettere a punto una proposta di legge regionale ad hoc”.

“Dal Fondo per il venture capital a sostegno di progetti ad elevata innovazione tecnologica (3 milioni le risorse a disposizione) al Fondo impresa femminile (con una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro per ciascuno degli anni 2021 e 2022), sono diversi ed articolati gli interventi ‘in rosa’ della manovra economica” – sottolinea Nava.

“L’impegno finanziario – aggiunge – è diretto a supportare l’avvio delle attività, gli investimenti e il rafforzamento della struttura economica e patrimoniale delle imprese femminili. Vi rientrano anche la diffusione della cultura imprenditoriale, programmi di formazione e orientamento, percorsi di assistenza tecnico-gestionale ed azioni di comunicazione. Di sicuro interesse anche il Fondo per il sostegno della parità salariale di genere nonché il rifinanziamento dell’iniziativa Donne in campo, il regime di aiuto istituito dalla legge di Bilancio 2020 per la concessione di mutui a tasso zero fino a 300mila euro a favore dell’imprenditoria femminile in agricoltura”.

“Come Crpo – conclude Cinzia Nava – faremo la nostra parte continuando ad improntare il nostro impegno su proposte ed iniziative che possano costituire fattori di miglioramento e di affermazione della donna in ogni segmento della società”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?