Ven. Mag 14th, 2021

San Demetrio Corone: sversava residui di un frantoio oleario su un terreno boschivo, denunciate 2 persone dai carabinieri

sequestro carabinieri

Condividi

carabinieri san demetrio corone

A conclusione di un mirato servizio di osservazione i militari della Compagnia di Corigliano Calabro hanno denunciato due persone, una di Corigliano Calabro ed una di San Demetrio Corone per il reato di gestione e smaltimento non autorizzati di rifiuti.

Nello specifico i Carabinieri della Stazione di San Demetrio Corone, che da diverso tempo stanno ponendo massima attenzione ai reati ambientali nelle zone di competenza, nella giornata di ieri notavano un trattore agricolo che trainava una grande cisterna spargi-liquami, con a bordo un uomo, procedere lungo la s.p. 177 in direzione Corigliano.

Ritenendo che lo stesso potesse sversare i liquami senza le previste autorizzazioni iniziavano un servizio di pedinamento ed osservazione.

In effetti il mezzo agricolo entrava dentro un’area boschiva sita in Contrada Carcara. Lo stesso guidatore scendeva dal mezzo e per assicurarsi di non essere disturbato durante le sue attività illecite chiudeva l’ingresso alla strada con una catena, bloccata da un lucchetto.

I militari proseguivano il servizio a piedi ed infatti, dopo qualche chilometro, il mezzo arrestava la propria marcia ed iniziava a sversare sulla vallata sottostante il contenuto, senza alcuna precauzione. Quindi i Carabinieri intervenivano bloccando l’attività dell’uomo ed identificandolo.

Lo stesso riferiva di lavorare per conto di un imprenditore locale, titolare di un’azienda agricola che gli aveva commissionato di eseguire le attività di smaltimento dei residui oleari.

I militari, sulla base delle dichiarazioni rese, procedevano ad identificare anche il titolare della ditta e per entrambi scattava una denuncia a piede libero per il reato di gestione e smaltimento non autorizzati di rifiuti.

Infine i Carabinieri, d’intesa con il sostituto Procuratore della Repubblica di Castrovillari, sottoponevano a sequestro penale l’area interessata dallo sversamento per la successiva bonifica ed anche la cisterna, quale corpo del reato, per procedere a campionature del materiale all’interno contenuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?