Gio. Dic 1st, 2022

Servizi di contrasto alla criminalità e per la tutela dell’ordine pubblico effettuati a Pizzo dalla Polizia di Stato

polizia di stato - vibo valentia

Condividi

polizia di stato - vibo valentia

Proseguono i controlli della Polizia di Stato durante il fine settimana per contrastare la criminalità diffusa e vigilare sulla movida nella provincia vibonese.

Durante lo scorso fine settimana i controlli si sono concentrati nell’area di Pizzo, permettendo ai Poliziotti di identificare 400 persone, controllare 173 veicoli e rilevare 4 violazioni amministrative per contrasto al Codice della Strada, nonché ritirando una patente di guida.

In particolare, è stata riscontrata la presenza di un parcheggiatore abusivo nei pressi del centro storico cittadino. Per l’uomo è scattata la sanzione pecuniaria per violazione del Codice della Strada, che punisce l’esercizio abusivo dell’attività di parcheggiatore.

Un altro soggetto è stato trovato in possesso di 40 grammi di marijuana divisi in dosi e di materiale per il confezionamento, per cui è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il presunto reato di detenzione ai fini di spaccio.

Inoltre, nella giornata di sabato gli agenti della Squadra Mobile e della Squadra Volante sono intervenuti nel corso di una lite sorta fra due soggetti nei pressi di un ristorante situato nella città di Vibo.

Nel corso della lite sorta per futili motivi, uno dei due avrebbe sferrato uno schiaffo all’altro, ricevendo calci e pugni e venendo per questo medicato al Pronto Soccorso locale con una prognosi di 5 giorni.

Il tempestivo intervento dei Poliziotti nel corso della colluttazione ha permesso sia di accertare quanto accaduto che di evitare che la situazione degenerasse, essendo arrivati sul posto altri amici del ferito per avere spiegazioni dall’altro litigante, con l’evidente possibilità di una escalation di violenza.

Sentiti i testimoni e acquisite le immagini dell’impianto di videosorveglianza, la Squadra Mobile ha inoltrato l’esito degli accertamenti all’Autorità Giudiziaria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

× Vuoi inviare la tua notizia?