Ven. Mag 14th, 2021

Trebisacce: i sindaci dell’alto ionio incontrano il commissario dell’asp di Cosenza

franco mundo

Condividi

Comune trebisacce

Il Sindaco di Trebisacce, Franco Mundo, accompagnato dall’Assessore alla Salute Pino Campanella, il Sindaco di Oriolo Simona Colotta, e il vicesindaco di Cerchiara di Calabria, Giuseppe Ramundo, in rappresentanza dei primi cittadini dei Comuni del Distretto Jonio Nord, hanno incontrato il Commissario ad Acta dell’ASP di Cosenza, Vincenzo La Regina, al fine di contestare l’illogica decisione di accorpamento del distretto Jonio Nord e Jonio Sud.

Al Commissario La Regina la delegazione ionica ha consegnato un documento contenente le osservazioni sull’Atto Aziendale n.271 del 08/04/2021.

Nel documento si legge:

“Premesso che con delibera n. 271 del 08/04/2021 il commissario straordinario ASP Cosenza approvava l’Atto aziendale con il quale accorpava, in via sperimentale, il Distretto Jonio Nord al Distretto Jonio Sud, creando un unico Distretto Sanitario Jonico, si vuole evidenziare come tale accorpamento, anche se in via sperimentale, sia illegittimo, inopportuno e non condivisibile.

Già i 17 sindaci del Distretto Jonio Nord con nota del 06/04/2021 hanno contestato tale illogica decisione evidenziando che:

– Con l’accorpamento del distretto Ionio Nord e Ionio sud, di fatto si violano le linee guida del Commissario ad Acta per il Piano di Rientro in allegato al DCA n° 33 del 22.02.2021 pag. 33 dove si prevedono sei distretti sanitari programmabili, che inopinatamente diventano cinque eliminando quello Ionio Nord. Peraltro a pag. 32 le linee guida specificano che ‘… il numero di distretti deve essere ricalcolato in decremento rispetto alla situazione attuale…’.

– I comuni del nuovo distretto sarebbero oltre 40 con più di 170.000 abitanti. Tale territorio sarebbe più grande di tante ASP e, per come si è già avuto occasione di constatare, ingestibile dal punto di vista organizzativo, considerate le tante complessità e le varie esigenze.

– Non si ravvedono i presupposti, anche per eventuali limitazioni nel numero di abitanti, per i quali il distretto può essere istituito anche in deroga. Peraltro, già alla luce dell’attuale gestione accentrata, sono sotto gli occhi di tutti le carenze, disfunzioni e omissioni, dai tamponi alle vaccinazioni, alle condizioni territoriali difficili, ecc….

– Qualche anno addietro, l’allora D.G. Dr. Scarpelli, convocò tutti i sindaci del Distretto per scegliere la sede. Con voti 17 su 22, venne scelta Trebisacce. Il risultato di tale votazione non fu mai di fatto attuato, violando la volontà dei Comuni.

– Il distretto socio assistenziale deve coincidere con quello sanitario.

L’accorpamento viola tale principio alterando i rapporti e l’eventuale integrazione socio sanitaria. Peraltro, i 17 comuni del Distretto sociosanitario di Trebisacce sono situati dieci nelle aree interne e sette lungo la costa.

Ciò, in aggiunta agli altri comuni, renderebbe oltremodo difficile l’esercizio delle funzioni e dei servizi, considerato che l’orografia è complessa, e che le strade impervie, a pettine, collegano i centri montani all’ex SS106.

Per cui anche dal punto di vista gestionale e dei servizi sarebbe opportuno evitare l’accorpamento, considerato che molti comuni distano oltre un’ora di viaggio da Rossano.

– Gli abitanti, come da atti ASP, sono complessivamente 56.271, con possibilità di aggregare altri comuni confinanti assegnati ad altri distretti.

– Il Comune capo ambito, Trebisacce, è sede di CSM, SERT, Consultorio familiare, servizi veterinari e Poliambulatorio medico, oltre che di P.O. che dovrà agire in funzione integrata.

– Nel Comune di Cassano allo Ionio vi sono l’Hospice e il poliambulatorio, prevedendo anche la possibilità di realizzare la Casa della Salute, e in ogni caso soddisfare le esigenze del Comune di Cassano.

– Nel comune di Rocca Imperiale vi è un poliambulatorio e diverse strutture socio assistenziali sono situate in comuni di Oriolo, Cassano, Villapiana, Cerchiara di Calabria, Francavilla e Canna. A Roseto Capo Spulico e Amendolara vi sono due strutture socio sanitarie.

– Gli altri distretti, esclusi Corigliano – Rossano e Cosenza, hanno meno abitanti”.

Infine, si rende noto che il documento consegnato al Commissario ad Acta La Regina conteneva anche tutte le richieste relative al potenziamento dell’Ospedale Chidichimo di Trebisacce, oggetto di una costante interlocuzione tra il Sindaco di Trebisacce, l’ASP di Cosenza e il Commissario Urbani.

× Vuoi inviare la tua notizia?