Crotone

Autonomia differenziata, a Cotronei partecipato dibattito organizzato dall’associazione Svolta la carta

Autonomia differenziata Cotronei

“Autonomia differenziata, apparente unità… e il futuro del Sud”. Questo il titolo dell’iniziativa promossa nei giorni scorsi a Cotronei, in provincia di Crotone, dall’associazione politico-culturale “Svolta la carta” nell’ambito dei Laboratori di primavera.

Un’occasione di confronto e dibattito, che si è tenuta nella sala comunale delle conferenze, cui hanno dato il proprio contributo anche l’Anpi, il movimento regionale Liberamente progressisti e il movimento Crescere di Crotone.

Al tavolo dei relatori che in veste di moderatore ha visto il consigliere comunale Salvatore Chimento, hanno preso posto il sindaco di Crotone Enzo Voce, il docente Salvatore Mazzei, il consigliere nazionale Arci Filippo Sestito, il consigliere provinciale crotonese Iginio Pingitore e il consigliere regionale Antonio Lo Schiavo.

Ampio e articolato il dibattito che, dopo l’introduzione curata dal prof. Mazzei che è entrato nel dettaglio della tematica attraverso un’approfondita disamina socio-economica sulle conseguenze della riforma dell’Autonomia differenziata ha registrato gli autorevoli interventi del sindaco Voce, il quale ha portato all’attenzione dei tanti presenti in sala le problematiche dei Comuni rispetto all’erogazione dei servizi essenziali alla cittadinanza, del consigliere nazionale Arci Sestito, che dal canto suo ha messo l’accento sulla pericolosità sociale della riforma, e del consigliere provinciale Pingitore che ha evidenziato gli aspetti politici sottesi alla legge sull’Autonomia differenziata.

A trarre le conclusioni della discussione, il consigliere regionale Lo Schiavo, presidente del Gruppo misto – Liberamente progressisti.

«Quella dell’Autonomia ha detto è una partita truccata in partenza. Le regioni del Sud non hanno le stesse condizioni di base dei territori più progrediti, anzi vi è una debolezza che ha ancora bisogno di essere colmata attraverso il principio della solidarietà nazionale e la redistribuzione delle risorse.

Questa riforma nasce da un substrato culturale, presente in alcune regioni del Nord, che a un certo punto hanno deciso di non dover più redistribuire il loro gettito fiscale, affermando un principio di egoismo che ha trovato sponda in alcune espressioni politiche che, a loro volta, hanno portato avanti quegli istinti. Istinti sui quali anche la sinistra si è fatta trascinare per ragioni di opportunità elettorale.

Quindi, quelle pulsioni, divenute progetto politico, hanno gettato le basi per la riforma di cui oggi parliamo. Ma, come calabresi e come italiani, non possiamo permettere che gli interessi politici ed economici di alcuni territori possano prevalere sui principi di solidarietà e unità nazionale».

I Laboratori di primavera, «organizzati annualmente da “Svolta la Carta” evidenzia infine l’associazione, continuano ad essere un terreno fertile per favorire la discussione e il confronto. Nei prossimi appuntamenti saranno trattati temi altrettanto significativi unendo ulteriormente l’azione culturale programmata dal direttivo associativo con quella istituzionale rappresentata dal gruppo consiliare in seno al Consiglio comunale di Cotronei».

Pulsante per tornare all'inizio
× Invia la tua notizia!