Lun. Gen 30th, 2023

Coronavirus, Tripodo (GD): “Stanziati 100 mila euro per ventilatori polmonari, ora serve impegno dalla Regione Calabria

Condividi

REGGIO CALABRIA –  La particolare situazione di difficoltà derivante dall’espandersi del Coronavirus in tutto il Paese ed al Sud Italia in particolar modo ed il lavoro incessante che le istituzioni tutte al netto del colore politico stanno portando avanti per contenere i possibili contagi spingendo nella assoluta e perentoria necessità di attenersi in maniera precisa alle indicazioni contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri circa gli spostamenti dei cittadini sul territorio comunale ci induce ad apprezzare il lavoro che la città Metropolitana sta portando avanti per difendere la nostra amata città, ad affermarlo Katia Tripodo Segretaria Metropolitana dei Giovani Democratici e Vice Presidente del Consiglio Comunale di Calanna.

 

Oltre le importanti attività di controllo del territorio portante avanti dalla Polizia Metropolitana ben guidata dal Comandante Crupi su impulso del Sindaco Giuseppe Falcomatà e dei Consiglieri Metropolitani Antonino Castorina e Riccardo Mauro prosegue Katia Tripodo  sono state individuate risorse per 100 mila euro per l’acquisto di ventilatori polmonari, macchinari elettromedicali o strumenti medici capaci di intervenire sulle persone colpite da Coronavirus.

 

Le apparecchiature, sostiene la giovane democratica, verranno destinate al Grande Ospedale Metropolitano di Reggio Calabria ed ai nosocomi di Polistena e Locri.

L’iniziativa conclude Katia Tripodo è stata portata avanti e fortemente voluta dal Dirigente del Settore Politiche Sociali Stefano Catalano ed è un piccolo ma grande tassello in una situazione di emergenza che va gestita in modo condiviso tra tutti.

 

Sarebbe importante prosegue Katia Tripodo che anche alla luce dell’appello fatto da Pippo Callipo anche la regione Calabria porti avanti iniziative simili nelle forme e nei modi più opportuni per essere vicini ai nostri cittadini.

 

× Vuoi inviare la tua notizia?