2 Dicembre 2023

Giornata mondiale dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, intervento di Filippo Mancuso a Taurianova

filippo mancuso - taurianova

il presidente: Filippo Mancuso

“La celebrazione della ‘Giornata mondiale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza’ ci deve spingere a fare di più e meglio  nel percorso di tutela e promozione dell’effettivo godimento dei diritti di tutti i bambini e di tutte le bambine.

I bambini sono stati individuati come titolari di diritti specifici, riconoscendo che ciascuno di loro ha diritto ad essere trattato con dignità e correttezza, ad essere tutelato, a sviluppare appieno le proprie potenzialità e a partecipare all’ambiente che lo circonda”.

L’ha detto il presidente del Consiglio regionale Filippo Mancuso, intervenendo alla manifestazione organizzata a Taurianova, cui ha preso parte anche il Garante regionale Antonio Maziale.

Ha aggiunto: “nonostante vi sia un generale consenso sull’importanza dei diritti dei più piccoli, ancora oggi assistiamo a situazioni di bambini e adolescenti vittime di violenze o abusi, discriminati, emarginati o che vivono in condizioni di grave trascuratezza, con il pensiero rivolto in particolare a quelli che vivono nei territori dilaniati dalla guerra e ne subiscono drammaticamente le conseguenze.

Questa ricorrenza deve soprattutto rappresentare il banco di prova e di verifica per interrogarsi su quanto è stato fatto e su quanto ancora si deve fare, per dare corpo e sostanza ai diritti universalmente riconosciuti ai minori e rendere la Calabria una regione a misura di bambino”.

Per Mancuso: “il legislatore regionale, istituendo il Garante dell’infanzia e dell’adolescenza, ha inteso contribuire a promuovere il diritto ad una famiglia, all’istruzione ed all’assistenza sanitaria, dando piena attuazione ai diritti e agli interessi sia individuali che collettivi dei minori.

Qui, più che in altri ambiti, i compiti e le funzioni del Garante assumono una specifica pregnanza, in ragione del fatto che ad essere coinvolti sono i diritti fondamentali dei minori, che sono i soggetti più vulnerabili di fronte ai repentini mutamenti sociali e verso i quali occorre essere pronti ad offrire risposte certe ed efficaci ai bisogni di protezione”.

Infine: “In tale prospettiva, si inserisce la “Mozione sull’età del consenso sessuale” approvata all’unanimità dall’Assemblea regionale, con cui si è avvertito come prioritaria l’esigenza di sensibilizzare il Governo, il Parlamento e l’Unione europea,  affinché l’età del consenso oggi fissata a 14 anni, una delle più basse nel mondo occidentale, venga innalzata a 16 anni.

La Calabria aspira a fare da apripista, per riportare nella giusta dimensione quel repentino processo sociale di “adultizzazione precoce” che non tiene conto di un corretto ed equilibrato sviluppo emotivo e psico-sessuale in linea con i corretti tempi di sviluppo psico-fisico del minore”.

× Invia la tua notizia!