Mar. Feb 7th, 2023

La Polizia di Stato in piazza a Crotone e a Isola Capo Rizzuto nella giornata contro la violenza sulle donne

polizia di stato - crotone

Condividi

polizia di stato - crotone 

In occasione della Giornata Internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, la Polizia di Stato, nell’ambito della campagna di sensibilizzazione “… questo NON è AMORE 2022” è stata presente, nel pomeriggio odierno, in Piazza della Resistenza a Crotone, ove i poliziotti hanno incontrato i cittadini per mostrare loro il percorso da intraprendere in occasione di violenze subite o percepite ai danni delle donne.

Nello stesso luogo è stata registrata, altresì, la partecipazione delle istituzioni locali e delle associazioni antiviolenza che si occupano dell’assistenza alle vittime di violenza, nonché al recupero del cd. maltrattante.

Nella stessa data, la Polizia di Stato è stata altresì presente presso il centro Socio Culturale “  Ceramidà ” di Isola di Capo Rizzuto, in occasione di una manifestazione canora organizzata dal Comune.

Dall’inizio dell’anno, sono stati 25 gli Ammonimenti emessi dal Questore sia su richiesta di vittime di atti persecutori – che non hanno inteso presentare una querela per i comportamenti subiti – che per atti di violenza domestica.

Nel medesimo periodo sono state, altresì, avanzate 9 proposte di sorveglianza speciale di P.S. “qualificata” nei confronti di soggetti ritenuti socialmente pericolosi, in quanto indiziati dei delitti di “Maltrattamenti contro familiari e conviventi” e di “Atti persecutori”.

L’attenzione della Questura al fenomeno non si esaurisce con l’emissione dei provvedimenti di prevenzione, ma si sostanzia anche nella fase successiva che completa adeguatamente lo spettro di efficacia dell’ammonimento. In particolare, oltre ad offrire assistenza alla vittima anche per il tramite di altri attori istituzionali a ciò deputati, recentemente è stato siglato con il Comune di Crotone ed il Centro Antiviolenza “Noemi” un protocollo d’intesa finalizzato al recupero dell’uomo  maltrattante.

La consapevolezza che la sfida contro il femminicidio e gli atti di violenza di genere si gioca esclusivamente nel campo della prevenzione, passa proprio anche dall’avvio, su base volontaria, del maltrattante ad un percorso di riabilitazione che lo porti a comprendere le motivazioni  che lo hanno indotto ad assumere comportamenti violenti nei confronti della donna.

E ciò nel convincimento di poter difendere le donne, occupandosi anche degli uomini.

× Vuoi inviare la tua notizia?