Cosenza

Nota “Comitato per la Città Policentrica”: sostegno a Caruso su nuovo ospedale a Vaglio Lise e area urbana vasta

Il Comitato per la Città Policentrica ha aderito con convinzione alla iniziativa legislativa popolare che mira a bloccare il colpo di mano contro l’autonomia dei Comuni messo in atto dalla Regione Calabria con la minacciata fusione autoritaria di Cosenza, Rende e Castrolibero. Non è casuale che la proposta di legge di iniziativa popolare sia stata promossa dal Coordinamento Nazionale delle Fusioni dei Comuni (FCCN).

Nella recente conferenza stampa di lancio dell’iniziativa, come Comitato abbiamo espresso i motivi, di sostanza oltre che di metodo, per cui respingiamo la fusione e siamo invece favorevoli a una larga Unione di Comuni che non sia limitata a Cosenza-Rende-Castrolibero, ma coinvolga gli altri Comuni a sud, est e ovest di Cosenza che storicamente fanno parte dell’area urbana cosentina.

Il tentativo di colpo di mano del presidente Occhiuto e della sua maggioranza di centro-destra è stato finora facilitato dal silenzio, con poche eccezioni, delle forze politiche di opposizione e delle forze sociali che ci fa pensare a una sorta di silenzio/assenso fondato sul trasversalismo politico.

In questo contesto si colloca il paradossale dibattito sullo spostamento del nuovo ospedale hub di Cosenza dal sito di Vaglio Lise – già finanziato, scelto e dichiarato idoneo – ad Arcavacata di Rende, scavalcando il centrale ruolo istituzionale del Sindaco di Cosenza. Si dimentica che il nuovo ospedale è stato finanziato come presidio dell’Azienda Ospedaliera Annunziata di Cosenza e, come tale, compreso in un documento programmatico trasformato in decreto. Ricordiamo al riguardo che il sito di Vaglio Lise che fa parte del documento programmatico ufficializzato da tutte le istituzioni competenti, è stato approvato con decreto del Commissario ad acta per il Piano di rientro per la sottoscrizione degli Accordi che dovrebbero dare il via all’attuazione. Un commissario che è lo stesso presidente Occhiuto! Siamo di fronte a mister Hyde o al dottor Jekyll? 

A questo punto sorgono altre domande. Si vuole spostare anche la sede dell’Azienda Ospedaliera di Cosenza? A Rende o nel nuovo Comune che magari si chiamerà Cosenza? E fra quanti anni si realizzerà? Abbiamo il sospetto che la fusione dei comuni sia in realtà finalizzata a far perdere i fondi stanziati per il nuovo ospedale provinciale pubblico, che hanno una scadenza, con l’obiettivo nascosto di favorire altri interessi, tra cui l’ospedalità privata.

Il Comitato per la Città Policentrica sostiene perciò con forza la decisa presa di posizione del sindaco Franz Caruso a difesa della localizzazione di Vaglio Lise. Apprezza altresì le dichiarazioni di Caruso circa la necessità di realizzare un’area urbana vasta, che sarebbe “riduttivo limitare a Cosenza-Rende-Castrolibero”, a tutela invece “della storia e delle identità territoriali”. Questa è da sempre la nostra tesi, ed è il motivo per cui è nato il Comitato per la Città Policentrica.

Pulsante per tornare all'inizio
× Invia la tua notizia!